La salute del gatto,  Vivere con il gatto

Gatti e COVID-19: tutto quello che c’è da sapere #senzabufale

 

Con l’arrivo del coronavirus sono arrivate un sacco di bufale, fake news e informazioni false di ogni tipo, molte purtroppo avevano come focus gli animali, domestici e non.

Non è facile destreggiarsi tra le notizie vere e quelle false, una di quelle vere è che un uomo, dipendente nello Zoo del Bronx a New York, positivo asintomatico, ha contagiato sei tra tigri e leoni ospitati nella struttura.

La prima infetta, con sintomi per fortuna non gravi e già in via di guarigione, è stata la meravigliosa tigre della Malesia di nome Nadia.

I felini dello zoo della grande mela hanno sviluppato tosse secca e perdita di appetito, niente di drammatico ma ormai è appurato, grazie anche ad una recentissima ricerca scientifica cinese, che i felini e i furetti sono tra le specie domestiche quelle più sensibili al coronavirus e che possono essere contagiati dall’uomo, mentre non ci sono evidenze di nessun tipo che il contagio possa passare dai felini a noi.

Quindi sono loro ad essere in pericolo se vengono a contatto con umani positivi e non viceversa.

Non c’è neppure da pensare di abbandonarli, o peggio, ma dobbiamo solo trovare le giuste misure per proteggerli da noi, a casa e fuori casa.

Se in famiglia hai uno o più gatti devi cambiare un pochino anche le vostre abitudini.

Se sei sicuro di non essere un infetto asintomatico puoi fare esattamente come facevi prima.

Se hai ragione di credere di poter essere infetto senza sintomi devi cambiare abitudini usando la distanza sociale anche con i tuoi mici, se ti devi avvicinare usa il lavaggio delle mani e la mascherina per proteggerli, lavati bene le mani con il sapone o con il disinfettante alcolico e indossa la mascherina chirurgica prima di avvicinarti a loro e prima di toccare le loro cose, preparare pasti o cambiare la cassetta igienica, chiudili in una stanza o in una parte della casa, in modo che non usino, letti, divani e cuscini dove stai anche tu e possano avere un ambiente protetto dal virus.

Se hai una infezione da covid-19 in atto tienili in stanze separate da te e affida la gestione delle loro esigenze ad un familiare sano, se sei da solo in casa con loro usa le stesse precauzioni che ho illustrato al punto precedente:

distanza sociale e niente più effusioni.

quando ti devi avvicinare usa il lavaggio delle mani e la mascherina per proteggerli, lavati bene le mani con il sapone o con il disinfettante alcolico e indossa la mascherina chirurgica prima di avvicinarti a loro e prima di toccare le loro cose, preparare pasti o cambiare la cassetta igienica.

chiudili in una stanza o in una parte della casa, in modo che non usino, letti, divani e cuscini dove stai anche tu e possano avere un ambiente protetto dal virus.

Io amo i gatti alla follia e quando sono in strada, se vedo un micio, non riesco a non chiamarlo e se si lascia accarezzare non riesco a trattenermi, in questo periodo ho limitato anche questo comportamento.

Anche se esco solo per cose indispensabili e uso sempre mascherina e guanti, quando vedo un micino che non conosco lo chiamo ma non mi avvicino, mantengo la distanza sociale proprio per evitare, in caso fossi infetta ma asintomatica di metterlo in pericolo.

Se hai un gatto che è abituato ad uscire fuori da casa e dal tuo giardino di proprietà questo potrebbe essere il periodo giusto per limitare o bloccare, temporaneamente, questa abitudine.

Se riesci a tenerlo a casa puoi proteggerlo meglio.

Invece è

IMPORTANTISSIMO: NON DISINFETTARE IN NESSUN MODO LE ZAMPE AL TUO GATTO, assolutamente no con candeggina o altri disinfettanti tipo clorexidina e simili.

Nelle scorse settimane questa pratica assurda, il lavaggio delle zampe di cani e gatti con candeggina o amuchina, è stato trasmesso irresponsabilmente come consiglio contro il coronavirus in televisione.

I disinfettanti fanno malissimo agli animali sia per via cutanea che per ingestione leccandosi le zampe, proprio ieri un gatto  (in Italia, a Crema) è morto perchè i padroni gli avevano disinfettato le zampe con l’ipoclorito di sodio.

Non farlo nel modo più assoluto, le zampe del tuo gatto (o cane) non trasmettono il coronavirus e se proprio sono sporche puoi lavarle con sapone delicato apposito per animali, sciacquarle bene con acqua tiepida e asciugarle delicatamente.

Il tuo animale domestico si fida di te, prima di fare qualunque cosa sentita in TV o sui social chiedi al tuo veterinario di fiducia, una telefonata da un minuto può salvargli la vita!

Diffondi le giuste pratiche, usa l’infografica che ho creato e che trovi qui sotto, grazie a nome di tutti i gatti (e anche degli amici cagnolini).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Uso i cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua visita. Per accettarli continua a navigare, per saperne di più e cambiare le impostazioni consulta la Privacy e Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi